And from undies to…

9

Leggi questo post in: Italiano

God knows what in the world I was thinking when I bought these pairs of underwear a couple of years ago. Apparently I was under the delusion that my behind had miraculously gone back to what it had been maybe when I was 18, a most improbable possibility. And I obviously couldn’t wear them more than once or twice thanks to the quite unpleasant sensation of…. Well, I really prefer not to be vulgar here. You know what I mean anyway.

Seeing as I’d already trasformed something into underwear, I decided to do the opposite and transform underwear into something else. However, no matter how cool the fabric of these undies is, there wasn’t a whole lot of it, as you can clearly see. And so I did the only thing I could think of: to cut and dry the flowers and leaves of my lavender plant and make some nice lavender sachets for the drawers.

Though I will come clean, stretchy fabric like this (which is like t-shirt fabric) isn’t really the best for this type of project because the pieces of lavender stuck to it and wouldn’t go down nicely into the sack. And sometimes they sort of stick out through the fabric. Regular cotton would’ve been much better. Though certainly less fun and satisfying! I did this instead of the gazillions of things I really should be doing. Sunday we’re leaving for a one day layover in Madrid, then 3 weeks in Boston area (where I’m from) and then 3 more weeks in Colombia (to visit friends) and I’ve got tons of gifts to sew, bags to pack, Spanish to try to miraculously relearn….

9 COMMENTS

  1. Vogli augurarti buone vacanze! Che bel programma che hai! Sarai l'unico viaggiatore della storia a partire con una valigia piena e tornare con una vuota, viste le tue intenzioni "natalizie"…

  2. veramente, non torno MAI con una valigia vuota!! anzi, ogni volta che torno negli Stati Uniti sto la mattina prima di ripartire per l'Italia con la pesapersona in un panico cercando di non andare oltre il peso massimo e devo sempre lasciare qualcosa con mia madre. cerco di fare tutto il mio shopping là perché si trovano i vestiti molto carino a prezzi molto più bassi, poi il cambio tra l'euro e il dollaro non guasta per chi paga con l'euro. poi riempio una valigia di stoffe che non riesco a trovare in Italia. poi tante altre cose sparse che non si trovano in Italia. Di solito vado verso gli Stati Uniti con una valigia dentro l'altra per averle in più per riportare le cose qui in Italia!

  3. quindi vai a casa!buon divertimento!
    ti pensavo oggi,e pensavo a come risolvere il problema del pubblicare un post col tuo splendido regalo,e come riassegnarlo.non riesco a scaricare la foto,per incollarla sul blob….RABBIA,RABBIA RABBIA!poi,anche scegliere un blog a cui riassegnarlo è difficile,ammiro così tante donne che cuciono,spaiettano,decorano,incollano,disegnano,……è davvero ardua,sai?o già una mezza idea.
    poi,rientrando da una passeggiata al mare ho fatto un giro lungo,per vedere una merceria di cui mi hanno parlato bene.volevo prendere del sangallo,per fare una camicina per una bambina,ma non c'era,ed ho pensato ad una stoffa rossa a pois bianchi,o viceversa,ma non ho trovato nulla.entro nel blog della fata bislacca,e trovo rosso,bianco e pois……
    lascio la merceria e mi allungo per uno stradone che una volta facevo in motorino,e per 4 km,un tempo nel cordolo che divide la strada dalla ciclabile c'era solo lavanda.a 18 anni ci raccoglievo mazzi interi che poi profumavano per mesi,ma la lavanda non c'è più:O(
    arrivo qui,e ti trovo coi sacchettini di lavanda….

    comincio a pensare che ci sia telepatia,empatia,ed una specie di filo invisibile che lega tutte noi:O)

    passa delle splendide ferie!

  4. allora, amrita, clicca col tasto destra sull'immagine e seleziona "copia indirizzo immagine". Poi quando fai un nuovo post, clicca sulla cosa per aggiungere foto, e nella parta in alto a destra si può incollare quel indirizzo immagine. è molto semplice. sì, hai ragione, ci sono tanti blog meravigliosi che è molto difficile sceglierne solo qualcuno.

    che peccato che non c'è più la lavanda in quella strada. ma spero almeno che le vostre strade nel nord non sono piene di spazzatura come le nostre qui in provincia di napoli. è tremendo passare per le strade di campagna per dover sempre scansare sacchi di monezza, materassi, scheletri di animali. ecco come si è trasformato "campania felix," che schifo….

    grazie per gli auguri per le ferie, altrettanto a te!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here