Conservare brodo vegetale

Read this post in: English

sì, scrivo su brodo vegetale. perché? perchè sono diventata di nuovo vegetariana (urrà!) e non mangio brodo di carne. ma soprattutto perché ci sono un sacco di ricette che richiedono il brodo e non ce l’ho mai. e mi scoccia di usare il dado o quei brodi strani confezionati (sono l’unica che trova quel brodo gelatinoso una cosa spaventosa?). e mi è venuta un idea ridicolosamente semplice, non so perché ci ho messo anni per pensarci.

l’idea mi è venuta preparando il cibo al mio piccolo. usando il metodo di super baby food (di cui ho parlato anche qui), faccio grandi quantità di cibo, lo frullo o faccio a cubetti, e lo congelo in porzioni già fatti. per i cereali uso il metodo “contenitore fantasma”, cioè congelo delle porzioni precise dei cereali frullati in dei contenitori di plastica (non barattoli di vetro o contenitori con un’apertura più stretta). quando sono congelate, le tolgo dai contenitori e le metto in una busta di plastica per il congelatore. così prendono meno spazio, posso usare i contenitori e devo solo togliere le porzioni che voglio dal freezer.

e perché non farlo anche con il brodo vegetale? quindi un giorno ho fatto un bel po’ di brodo, ma senza pomodoro, olio e sale. poi l’ho misurato porzioni di 1 o 2 bicchieri (e, perché mi mancavano i contenitori più piccoli, una di quasi un litro) e ho posato i contenitori nel congelatore. il giorno dopo, le ho tolte dai contenitori e messe in delle buste di plastica per congelatore, separandole per grandezza di porzione. così posso prendere solo un bicchiere o di più per le mie ricette quando mi serve. comodissimo! cerco di farvi vedere domani che cosa ho cucinato con la porzione di quasi un litro….

Leave a Comment