Come cucire il PUL (tessuto impermeabile)

47

Read this post in: English

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Questa settimana per la serie Impara a Cucire, parlerò di uno dei pochi tessuti specializzati che uso: il PUL.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

PUL (che pronuncio “pull” anche se dovrebbe venire pronunciato come l’acronimo che è: “P-U-L”) sta per Polyurethane Laminate. In un linguaggio normale, sarebbe un tessuto che è laminato sul rovescio. Ci sono altri tipi di tessuti laminati, tipo la cerata, ma le differenze principali sono:

  • PUL è un tessuto normale che è stato laminato successivamente, diversamente dalla cerata che è stata prodotta già plastificata.
  • Il lato plastificato di PUL è il rovescio, non il diritto, in modo che venga nascosto.
  • La laminazione del PUL è flessibile e traspirante, e quindi è utile per prodotti che si indossano.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Come ho già detto, si può laminare praticamente qualunque stoffa, anche quelle elastiche perché anche la laminazione è elastica. Di solito si trova più frequentemente il PUL di interlock di poliestere, che è molto elastico. Meno frequentemente si trova il PUL di cotone tessuto, o anche di altri tessuti speciali, tipo il Minky. Esiste anche il “sandwich PUL”, che sarebbe uno strato di PUL tra due strati di tessuto non laminato, ed è utile se vuoi nascondere completamente il PUL, ma non l’ho mai usato io.

La laminazione può essere o 1 o 2 mil. In teoria, 2 mil è più resistente e 1 mil drappeggia meglio, ma onestamente non noto molta differenza fra le due (secondo me, il tessuto di base crea più differenze), e sono ugualmente impermeabili.

Non ho mai visto il PUL in un negozio fisico, ma sicuramente ce ne sarà qualcuno che lo vende. Si trova piuttosto facilmente nei negozi online se cerchi tra siti sulla produzione di pannolini lavabili o su Etsy.

Quando si usa il PUL? Le sue qualità flessibili e traspiranti lo rende perfetto per qualunque tipo di prodotto impermeabile che si indossa, ad esempio i pannolini lavabili, gli assorbenti lavabili, le mutandine impermeabili o le coppette lavabili, perché, diversamente da altri tessuti laminati, il PUL permette che l’aria entra fino alla pelle. Si usa spesso il PUL anche per cucire le wet bags (borse impermeabili) e i tappetini portatili per il cambio del pannolino, anche se non si indossano, perché la flessibilità del PUL permette che venga piegato bene.

Il PUL è un tessuto speciale e bisogna considerare diverse cose quando si prepara e si cuce. Continua a leggere per alcune regole essenziali! (A proposito, queste regole valgono anche ad altri tessuti laminati.)

 

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Regola n°1: Limita i fori di spilli e aghi in PUL!

Quando infili un ago o uno spillo nella maggior parte dei tessuti e poi lo togli, di solito non lascia un foro che si nota molto. Si dice che “guarisce”. La laminazione del PUL previene che guarsice dalla foratura di spilli o aghi. Quindi non solo lascia il segno nel tessuto, ma quel foro piccolino, soprattutto se multiplicato per tante volte, può permettere delle perdite. E questo vanifica il senso di usare il PUL se deve essere impermeabile. Quindi:

    • Fa attenzione quando cuci il PUL per evitare di dover togliere cuciture, che lasceranno milioni di piccoli fori che perdono, una cosa che sarebbe piuttosto infelice.
    • NON USARE GLI SPILLI! Usa invece qualche tipo di molletta, ad esempio le mollette da bucato*, forcine per capelli*, molle fermacarte* o — se vuoi fare la professionista — “Wonder Clips”* (queste sono delle mollette fatte a posto per mantenere il tessuto). Se vuoi usare gli spilli, fa molta attenziona a posizionarli dentro il margine di cucitura in modo che i fori non creino problemi. Un’altra possibilità è imbastire temporaneamente il PUL ad un’altro tessuto con la colla stick lavabile*.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Vedi? È semplice usare le molette al posto degli spilli!

Regola n°2: Usa il tipo corretto di ago.

Usa il tipo di ago che useresti normalmente per il tipo di tessuto di cui è fatto il PUL. Quindi se il PUL è di cotone tessuto, usa un ago per tessuti. Se il PUL è di interlock, usa un ago per stoffe a maglia. Alcune persone dicono di usare un ago più piccolo per lasciare fori più piccoli, e altre dicono di usare un ago più largo per poter forare più facilmente la laminazione. Io ho sempre usato un ago di larghezza normale, ma fa qualche prova e usa quello con cui ti trovi meglio!

Regola n°3: Usa il filo di poliestere.

Il filo di cotone assorbe. Il filo di poliestere non assorbe. Se cuci un pannolino lavabile con il filo di cotone, una quantità minima di liquido verrà assorbita dal fil e passerà dall’altro lato, inumidendolo. Non è questo il risultato che cerchiamo, quindi usa il filo di poliestere.

Regola n°4: Non prelavare il tessuto.

È fastidioso prelavare il tessuto, e usa energia e acqua, e ti fa anche aspettare prima di poter iniziare il tuo progetto di cucito, ma è necessario per rimuovere sostenze della sua fabbricazione e per farlo restringersi prima di tagliarlo. Ma non sarebbe ancora più fastidioso “dimenticare” di prelavare il tessuto, passare ore (giorni, settimane…) a cucire il capo più incredibile che abbi mai cucito, lo indossi una volta, lo lavi… e scopri che si è ristretto nel lavaggio e non lo potrai mai più usare?

Sai una cosa? Il PUL non si restringe! Evviva! Quindi, a meno che tu non abbia ereditato del PUL polveroso da qualcuno o per sbaglio ci hai fatto cadere adosso un kilo di farina, non c’è bisogno di lavarlo prima di tagliarlo.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Regola n°5: Stira con attenzione.

In teoria non dovresti stirare il PUL, ma sai una cosa? Io lo faccio. Basta farlo con una temperatura bassa (o media al massimo), senza vapore e con un panno per stirare*. (A me piacciono quelli trasparenti tipo nel link in modo di poter vedere il tessuto sotto. Non si vede bene, ma nella foto qui sopra, ce ne uno sopra il PUL.) Stira il lato non laminato un po’ alla volta, e andrà tutto bene.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Di solito il PUL non viene facilmente increspato, ma avrà un aspetto migliore se lo stiri velocemente, come si vede nella foto sopra. Io lo stiro solo se è davvero molto increspato.

Regola n°6: Da usare con alimenti… o no?

Be’, questo non è proprio una regola, ma più una considerazione. Alcune persone usano il PUL per cucire delle bustine o “carte” da piegare per cibo o merendine, ma considera il fatto che non c’è evidenza se la laminazione contiene sostanze pericolose che possono passare negli alimenti. Io personalmente non mi fido molto della plastica in generale per quanto riguardano gli alimenti, quindi non uso il PUL in questo modo, ma la decisione è tua.

Forse dirai, “Ti preoccupi che le sostanze pericolose passano nel cibo, ma non che stiano a contatto con la pelle?” Non si usa il PUL così. La sua laminazione non viene mai a contatto con la pelle perché viene nascosto dentro il prodotto cucito. Quindi non c’è da preoccuparsi. Ma se preferisci una barriera impermeabile senza alcun prodotto sintetico, puoi usare la lana infeltrita. Ma ne parlerò un’altra volta.

Regola n°7: Quando vuoi che la laminazione sia scoperta, basta cucirla sotto sopra. 

In alcuni casi, tipo con wet bags o quelle bustine per merendine di cui ho appena parlato, vuoi che la laminazione sia a vista, in modo che gli oggetti umidi dentro rimangono umidi e il liquido non passa all’esterno. O, se fai un tappetino portatile per il cambio pannolino, si può pulire la superficie con un panno umido e si riutilizza senza doverlo lavare mille volte.

In questi casi, bisogna cucire il PUL considerando il lato plastificato come il diritto, non il rovescio. Quando fai così, puoi usare solo il PUL di tinte unite perché il diritto e il rovescio hanno lo stesso aspetto, diversamente da un tessuto con una fantasia, il quale lato rovescio è piuttosto brutto. Se guardi la seconda foto di questo post, vedrai quello che voglio dire.

Regola n°8: Taglia due strati di PUL diritto contro diritto.

Il lato laminato di PUL è piuttosto scivoloso, quindi se tagli due strati allo stesso tempo, quei strati si possono scivolare uno sopra l’altro in modo frustrante. Puoi minimizzare questo scivolare mettendo gli strati insieme diritto (il lato non laminato) contro diritto.

Regola n°9: Usa una lunghezza del punto più lunga del solito.

Ci sono due motivi per questo. Per prima, così si lasciano meno fori dell’ago. Secondo, è più semplice cucire il PUL in questo modo. Ne parliamo di più nella regola n°10.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Regola n°10: Cuci il PUL con lo scotch, carta velina, il piedino Teflon, il piedino doppio trasporto o lucidalabbra.

La laminazione del PUL lo rende scivoloso quando si taglia, ma lo rende appiccicoso quando si cuce. Non sembra avere molto senso, ma è proprio così e ti può fare bestemmiare e dare calci ai mobili per la frustrazione. La superficie plastica si attacca al piedino quando è rivolta verso l’alto. Di solito non crea problemi quando è rivolta verso il basso, perché le griffe di trasporto della macchina muovono il tessuto. Guarda le seguenti foto:

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Quando cuci un solo strato di PUL, forse non muoverà perfettamente e potrebbe fare qualche piccola grinza (come si vede a sinistra), ma non sarà la fine del mondo, neanche quando la laminazione è verso l’alto. E se cuci due strati di PUL, rovescio (lato laminato) contro rovescio (come si vede a destra), le cose vadano più o meno bene.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Ma quando metti due strati insieme con il lato laminato verso l’alto, la situazione cambia… e molto! (come si vede sopra) La laminazione si attacca alla parte inferiore del piedino, non facendola scivolare sotto come dovrebbe. Ma allo stesso tempo, il lato inferiore viene tirato sotto dalle griffe di trasporto della macchina. Così, il tessuto si arriccia in un modo terrificante e lo strato superiore viene tirato molto oltre il bordo dello strato inferiore, facendo curvare la stoffa. In più, si finisce per creare una lunghezza del punto minuscola, che è brutta esteticamente e lascia sempre più fori nel tessuto. Non c’è niente di buono di questa situazione.

Ma per fortuna esistono diversi segreti per evitare questi problemi. Alcune persone trovano che alcune di queste tecniche funzionano benissimo, mentre altre trovano che non funzionano proprio, quindi ti consiglio di provarle tutte su pezzetti di PUL per capire quali funzionano meglio per te. E se non ti trovi bene con neanche una di queste tecniche, cerca di riposizionare gli strati di tessuto in modo che il lato laminato del PUL non sia rivolto verso l’alto. Iniziamo!

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Trucco n°1: Attacca del nastro adesivo sotto un piedino normale.

L’idea è che sia lo scotch trasparente che lo scotch di carta impediscono che la laminazione si attacca al fondo del piedino, e quindi il PUL ci scivola sotto. Basta coprire il fondo di un piedino normalissimo zig zag o a punto dritto e pratica un foro nello scotch con delle forbici o qualcos’altra di appuntita dove deve passare l’ago.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Alcune persone si trovano benissimo con questo trucco, ma io non riesco ad avere risultati perfetti così. Certo, è meglio di prima, ma non mi basta. Ma è gratuito, quindi provaci!

Trucco n°2: Usa un piedino in teflon antiaderente. 

Questo piedino è fatto di plastica, non di metallo. L’idea è simile al trucco dello scotch: la laminazione non si attacca alla superficie non metallica del piedino teflon.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

La maggior parte delle persone si trovano MOLTO bene con questo piedino, che funziona perfettamente per loro. Un altro vantaggio è che il piedino costa relativamente poco. Non so bene se il mio piedino teflon è solo un pezzo di spazzatura, ma non funziona bene per me, come si vede sopra. Se vuoi provare questo piedino, ti consiglio di portare la macchina da cucire e qualche pezzo di PUL ad un venditore autorizzato e chiedere di provare il piedino prima di comprarlo. Controlla che il piedino che compri sia compatibile con il modello di macchina!!

Trucco n°3: Usa il piedino rullo.

Il piedino rullo è esattamente quello: un piedino con dei piccoli cilindri di metallo che girano per aiutare a far passare il tessuto. Questo piedino ha funzionato ugualmente male per me quanto il piedino teflon, ma se ce l’hai e se provi piedini al negozio, perché non provarlo?

Trucco n°4: Applica uno strato sottile di lucidalabbra trasparente sulla zona dove cucirai.

Ho trovato questa idea qui, e solo allora. La donna che l’ha scritto sostiene che funziona benissimo, ma non ho avuto risultati perfetti con questo trucco. Ma, come il trucco dello scotch, non costa niente provare!

Ok, basta con i trucchi che non mi hanno soddisfatto (anche se soddisfanno altre persone e forse lo faranno anche a te). Ora ti mostro i miei trucchi preferiti che funzionano perfettamente per me!

Trucco Preferito n°1: Il piedino doppio trasporto!

Ricorda quando ho parlato del piedino doppio trasporto la settimana scorsa? Le griffe superiori che aiutano a passare lo strato superiore di tessuto sotto il piedino funzionano benissimo anche con il lato laminato e appiccicoso del PUL!

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Questa è la mia soluzione preferita per cucire il PUL ed è raro che si scivola il tessuto o che si creano delle grinze con questo piedino. Se non sai usare questo piedino speciale, ti consiglio di leggere questo post. Non è per niente difficile!

Trucco Preferito n°2: Carta velina!

Taglia delle strisce di carta velina, posizionale sopra il tessuto, e ci cuci sopra. La carta fa scivolare il PUL sotto il piedino come se fosse un qualunque tessuto!

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

In verità, puoi usare qualunque carta leggera (ad esempio, scontrini), ma preferisco la carta velina perché posso intravedere il tessuto dietro e allineare il bordo con la guida corretta della macchina da cucire. Conservo sempre la carta velina del packaging delle scarpe nuove per cucire in questo modo.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Dopo averla cucita, bisogna tirare delicatamente un lato della carta verso il lato, via dalle cuciture (non tirare verso l’alto, perché mette pressione sulle cuciture e può danneggiarle). Si strappa come qualuque carta perforata. Quando la carta è completamente strappata lungo la cucitura, l’altro lato di carta esce da sotto le cuciture senza alcun problema. Di nuovo, tirala delicatamente via dalle cuciture per evitare che piccoli pezzi rimangono sotto le cuciture.

Come cucire il PUL (tessuto laminato per strati impermeabili in pannolini e assorbenti lavabili, borse impermeabili e tappetini da cambio) | www.cucicucicoo.com

Vedi? Assolutamente perfetto! E se fai fatica con qualunque tecnica descritta sopra per cucire il PUL, puoi sempre usare la carta velina insieme a quella tecnica per migliorarla!

Ora fa delle prove con il pul in modo che sarai preparato per il tutorial alla fine di questa settimana utilizzando questa stoffa speciale!

Ti è piaciuta questa lezione su come cucire il PUL? Guarda le altre che fanno parte di questo corso di cucito per principianti!Impara a cucire a macchina: un corso di cucito gratuito per prinicipianti

*Questo post contiene link di affiliazione.

47 COMMENTS

  1. Sei la mia salvatrice!!!!
    Le foto arricciate sembrano i miei primi fallimenti con il PUL. Alla fine sono arrivata in fondo al lavoro solo perchè sono una testona e non volevo lasciar vincere il tessuto… ( che poi, a ripensarci un po’ con calma, per cominciare quasi da completa principiante con l’accoppiata PUL e Minky sono stata un po’ pazza :P) ma alcuni di questi trucchi sono davvero geniali!
    In attesa di procurarmi il piedino doppio trasporto (che prima o poi avrò, ho deciso!), mi cimenterò con la carta velina, sembra proprio che dia dei risultati perfetti!

    • Sì, in effetti l’accoppiata PUL/Minky è una pazzia! Si sarà scivolato/attaccato in un modo terrificante! Anch’io usavo solo la carta velina prima di acquistare il piedino doppio trasporto, quindi ti dovrebbe funzionare benissimo così!

  2. Vorrei provare a cucire del tessuto cerato (PVC) ma non l’ho mai fatto, pensi si possa comportare come il PUL? Potrei provare con questi trucchi…

    • Sì, Sara! Come ho scritto all’inizio delle regole, questi trucchetti e regole valgono per tutti tessuti laminati, ma forse solo fino ad un certo punto. Ad esempio, la cerata mi da’ meno problemi, ma la cucio lo stesso con il piedino doppio trasporto, ed bisogna evitare di farci i fori. Il tutorial abbinato a questa lezione sarà qualcosa da fare o con il PUL o con la cerata! Quindi torna più tardi questa settimana per vederlo! 🙂

    • Oh, how convenient to have it at Joann’s! I wish so much there were something similar to Joann where I live in Italy! But even when I go to the States, I’ve never seen it in the Joann’s near my mother’s house. Lucky you! 🙂

  3. Ciao Carissima, molto utile questo post. Da anni mi cucio i miei assorbenti lavabili ed utilizzo questo materiale molto comodo! anche se faccio fatica a trovarlo…proverò a vedere su Etsy..le fantasie che hai tu sono bellissime.
    Aspetto con ansia il tuo tutorial!
    A presto
    Ste

    • Ciao Ste! Purtroppo non è semplice trovare il PUL in fantasie. Quei pezzi nelle foto sono rimasti da anni fa e li ho presi da una mia fornitrice in Inghilterra. Purtroppo non vende più! 🙁

    • La cerata è completamente diversa dal PUL in quanto sia prodotto già plastificato. Il PUL, invece, è proprio un tessuto. PUL è molto più morbido e la laminazione permette la traspirazione. Non è così con la cerata, quindi non va assolutamente usato per cose che devono essere indossate. Ne parlerò nel prossimo post! 🙂

    • La cerata è quella roba che si vende in rotolo in dei negozi di pittura o cose per la casa per le tovaglie impermeabili, quindi mi sa che l’avrai vista e forse anche toccata! Non sono esperta in materia, ma ci sono diverse qualità, quindi quelle più morbide si usano per fare l’impermeabile o quei cappelli impermeabili. Ma il tipo più facile da trovare è quella per le tovaglie.

  4. Lisa wow mi sono letta il tuo post tutto d’un fiato! Pensa che proprio oggi stavo facendo prove di cucitura con la plastica trasparente, quelle per le tovaglie. Per fortuna il normale piedino della mia macchina scivola abbastanza bene. Lo scotch non ha funzionato neanche per me, la carta velina mi scoccia perché non vedo bene sotto. Volevo acquistare il piedino rullo ma ora che ho letto del piedino a doppio trasporto ci faccio davvero un pensiero! Che belle stoffe che hai trovato, io sto diventando matta a cercarle! Grazie per l’utilissimo post! Baci

  5. Thank you so much for this article, I’ve just used PUL for the first time, to make a travel changing mat, and I would have made such a mess of it if I hadn’t read your tutorial first! I would never have thought of using hair grips instead of pins to hold the layers together. And I wouldn’t have thought of using my walking foot. So glad I did! The changing mat turned out perfectly and my daughter is thrilled to bits with it. Thanks again.

    • I’m so glad that sewing PUL was easy for you with these tips, Theresa! A lot of people approach this fabric for the first time without the correct preparation, and it’s miserable for them. It’s a very special fabric, which needs special consideration for how it’s worked.

  6. I need to get in contact with someone that knows how to professionally sew PUL fabric. I am in the process of trying to open my own online business selling a product that I have invented, which is in the patent pending stage that is made of PUL fabric. I need someone to manufacture bulk amounts of my product. If your company knows of anyone that may be interested in working with me in my venture please contact me.
    Linda Brown, lindagbr1@centurylink.net

    • Hi Linda, I don’t know anyone offhand who would be able to help you, but if anyone who sees this comment is interested, he/she can always contact you at the email address you provided! Good luck!

  7. Thank you SO MUCH for this tutorial. I am new to sewing and for some reason I decided to sew a PUL diaper cover as my first “big” project! I seem to have skipped stitches, do you have any tips? I was practising on scraps using a blue 90 needle and tissu paper like you suggested, but now on top of having skipped stitches I also have the top needle thread breaking and coming out of the needle. UGH! 🙁

    • Oh dear, PUL is definitely not a good choice as a first big project because it’s pretty finicky to sew on. If the thread is giving you problems, I suggest you change it. I always use polyester thread with PUL because 1) it’s stronger and won’t break, 2) liquid won’t wick through it like it will with cotton thread. The fact that it’s coming out of the needle might be due to poor thread quality or the tension, so switch thread and if that doesn’t solve the problem, fiddle with tension a bit. Hope that helps!!

      • Yeah it definitely wasn’t the best choice, but I have tried small cotton projects in the past (cushions, drapes, even an outfit one time) so I thought maybe I was ready for a step up.. but… nope. I want to throw my machine out the window. 🙁 I have consistently used this (polyester) thread in the past and never had problems. In fact yesterday while working on the diaper it was fine, aside from skipped stitches. Now all of a sudden it’s breaking! I’ve fiddled with tension and re-threaded the machine several times. I feel like it’s the machine… Thanks for your reply!

        • Yikes… I’m wondering if some thread got stuck in the tension discs inside the machine and that’s blocking it up. Have you tried sewing again on a scrap of woven cotton just to see how the machine behaves after having all these problems? Because if it continues to act up, you might need to bring it in for a cleaning. Or is it possible that there’s a broken needle or too much lint or something underneath, where the bobbin is?

          • Yes I think you are right, it is in need of a cleaning, or especially a good tuneup! I switched thread and needle and tried basic cotton, but no luck. Thanks so much for your replies,

  8. I have the same problem when i put PUL baby diaper fabric right sides together. I get major slippage and nobody can find the solution. I have a walking foot a ball point needle (per the supplier) but it still gives me 1/4″ slippage of the bottom fabric gathers so badly and just shifts. I”m so frustrated. I glad i found this page but I have tried all these methods and nothing works well. I have tried tape, tissue paper. I wouldn’t dream of putting chap stick onto my garments. I don’t know why they sell this fabric if it sucks sewing up.

    • Hi Maria,
      Goodness, you’re having a TON of problems! Are you using a longer stitch length? Have you tried using a zig zag or triple zig zag stitch? Have you made a tissue paper sandwich, with the paper on the top AND on the bottom? This should help if you’re finding the that bottom layer is gathering. Let me know. I would like to try to help you find a way to resolve the problem!

  9. Thanks for all the info on the PUL fabric/material. I had no idea that it was tricky to sew with! Yikes!! I bought some to put between the layers of coasters to protect furniture from getting water spots or rings on them. I wasn’t sure about needle punctures affecting the effectiveness of making the coasters waterproof. So, that’s why I read your article. I’m certainly glad I did. Very informative. Do you have any suggestions how how to sew the coaster layers together and still put the PUL material between the two layers of fabric? Thanks. Dee

    • Hi, Dee, you can still sew the PUL in the center of the coaster layers. I suggest making your “sandwich” of fabric (assuming you’re turning and topstitching) with the shiny side of the PUL hidden between other layers so that it won’t be at the very bottom against the feed dogs nor at the very top against the machine foot. That way it shouldn’t be an issue. Then you can still topstitch. The real issue is when you need something very waterproof, as in for a diaper or a menstrual pad, when there is a lot of liquid being lost regularly. I think it should be fine for a coaster! Let me know if you have any other questions and good luck!

  10. Hi. Thanks for this article, quite informative. I have a question, though: I’m planning on using textile adhesive/glue with PUL instead of sewing it. Do you think this will work?

    • Hi Len, it really depends on what you’re doing with the PUL. A good quality adhesive will certainly hold it together, but if you are using it to make, for example, a diaper that will take a lot of wear and tear, as well as be washed frequently, it obviously wouldn’t be your first choice.

      • Thank you for the prompt reply! I’ll use it for a no-sew (or at least minimal sewing) cloth menstrual pad project. Now that I know, I still need to sew it a bit to a backer. Again, thanks and have a fine day!

  11. Is there a way to sew pul to pul or iron two pieces together. I cut a pattern to small and want to add pul to pul instead of buying more material.

    • Hi, Joanne! Sure, you can sew two pieces of PUL together, though I definitely wouldn’t suggest ironing the pieces together, because it can melt and get ruined. Just sew the two pieces together as you normally would, using the tips in this post. Good luck!

      • Thank you for your suggestion. And read about a PUL seam sealing tape would that be wise to put over the seam after sewing?

        • I’ve never used it before, but it would be interesting to try out. As far as I know, it seals up holes and any other openings after sewing, but doesn’t actually stick pieces together.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here