Dentifricio fai da te: due ricette

9

Read this post in: English

Evita le sostanze pericolose nei dentifrici industriali con dentifricio fai da te. Ecco due ricette: una pasta, l'altra un polvere. E sì, funzionano! www.cucicucicoo.com

ecco la prima puntata di ricette casalinghe per il corpo. inizio con il dentifricio fai da te perché mi sono trovata incredibilmente bene da subito con più di una ricetta. ma per prima…perché non vanno bene i dentifici che si comprano nei negozi? per iniziare, se non l’avete ancora fatto, leggi questo post sugli ingredienti nei prodotti cura corpo industriali.

io sono rimasta molto sorpresa quando ho scoperto qualche mese fa che il fluoro può causare il cancro. il fluoro?! ma non dicono sempre che è essenziale ai denti forti?! invece, può causare la fluorosi, un disturbo dei denti. e i pediatri prescrivono gocce di fluoro ai bimbi, o almeno la nostra lo fa! (ecco uno dei tanti articoli online che parlano dei pericoli del fluoro, ma basta fare un google.)

un altro ingrediente molto tipico nei dentifrici industriali è la glicerina. ho fatto un po’ di ricerca per scoprire che: 1. di solito la glicerina deriva dal grasso animale (esiste pure la glicerina vegetale, ma sembra che neanche quella fa proprio bene). 2. è anche un sottoprodotto della produzione di biodiesel. 3. la glicerina ricopre i denti, prevenendo che il calcio e altri minerali importanti arrivino ai denti. 4. se i denti sono ricoperti di glicerina, non si possono rigenerare. (questi dati da qui e qui.)

ho trovato ancora un altro articolo online interessante che parla anche degli altri ingredienti nei dentifrici. sembra che diversi ingredienti sono irritanti e/o possono causare tumori. bene, bene…

Evita le sostanze pericolose nei dentifrici industriali con dentifricio fai da te. Ecco due ricette: una pasta, l'altra un polvere. E sì, funzionano! www.cucicucicoo.com

AGGIORNAMENTO: Da quando ho scritto questo articolo, ho creato tre ricette fantastiche per il dentifricio fai da te in polvere che la mia famiglia usa oramai da due o tre anni. Puoi trovare le ricette qui.

la prima ricetta che ho provato (l’immagine sopra) è rimasta la mia preferita. fa una specie di pasta che si può mettere dentro un tubo di plastica da usare come dentifricio industriale. ma, volendo usare il meno plastica possibile dopo aver trovato questo sito, ho optato per un piccolo vaso di vetro. prelevo un po’ ogni volta con il dito e lo spalmo sullo spazzolino. ho avuto questa ricetta da una mia vecchia amica della scuola elementare, la quale l’ha postato per me.

solo la prima volta mi ha dato un pochino di fastidio il sapore del bicarbonato, ma già la seconda volta non mi disturbava affatto. lascia una sensazione incredibile di freschezza e pulito in bocca. insomma, è una grandissima figata. praticamente si mescolano:

  • 3 cucchiai di olio di cocco (preferbilmente bio)
  • 3 cucchiai di bicarbonato
  • 1 cucchiaio di xilitolo
  • 5 gocce di olio essenziale di menta

sarà liquido all’inizio, ma poi si solidifica un po’ di più dopo qualche ora. visto che non piace la menta a mia figlia, vorrei provarlo con l’olio essenziale di arancia e cercare di convincerla di usarlo.

(*26/07/12* ecco la ricetta per il dentifricio all’arancia. una nota: in estate, l’olio di cocca è liquido, quindi ho trovato che è meglio fare la ricetta nei periodi caldi con solo 2 cucchiai di olio di cocco. poi se serve, si può sempre aggiungere di più dopo.)

qualche nota sugli ingredienti. l’olio di cocco si solidifica quando fa un po’ freddo, quindi si deve scogliere se non lo è già. non ero convinta all’inizio che fa bene l’olio di cocco ai denti, invece sembra che fa molto bene. qui c’è un articolo che parla dei tantissimi benefici di questo olio per tutto il corpo. per quanto riguarda il nostro discorso qui, aiuta ad assorbire il calcio e a prevenire il cariarsi dei denti. AGGIORNAMENTO: Ho appena trovato un post molto dettagliato sui benefici dell’olio di cocco da Well-Being Secrets.

il bicarbonato pulisce e sbianca. lo xilitolo, che saprete da quelle pubblicità delle gomme da masticare, è uno zucchero particolare che fa bene ai denti e li aiuta a non cariarsi. questi ingredienti si possono ordinare online o trovare in erboristeria o in farmacia. l’unico problema con questa ricetta? lo xilitolo costa un sacco di soldi, almeno qui in italia.

Evita le sostanze pericolose nei dentifrici industriali con dentifricio fai da te. Ecco due ricette: una pasta, l'altra un polvere. E sì, funzionano! www.cucicucicoo.com

ricetta n° 2 (l’immagine sopra), invece, ho trovato nel libro big ass book of crafts di mark montano, ma ora l’ho trovata anche sul suo blog. usa ingredienti più facili da trovare e costa molto poco. all’inizio il sapore di bicarbonato (che si sente di più che nella prima ricetta) è stato molto forte, ma dopo uno o due giorni ci si abitua. ora mi piace un sacco!

si fa così: si sbuccia un lime (meglio bio) molto finemente e si fa seccare la buccia un paio di ore. (lui dice che si può far seccare la notte e poi farne un polvere più fine, ma non è funzionato quando l’ho provato. forse ho fatto qualcosa di sbagliato, chissà…) poi la metti in un barattolo insieme a un bicchiere di bicarbonato e 20 gocce di olio essenziale di menta e si agita (col tappo chiuso, ovviamente) fin quando non è ben mescolato. si emerge lo spazzolino nel barattolo e via col lavaggio! lui sostiene che i pezzettini di buccia possono restare fra i denti, ma non ho avuto questo problema. ovvero, visto che è sempre consigliabile usare il filo interdentale dopo, si toglie subito così e non ho avuto l’opportunità di rendermene conto.

la conclusione? sembra che il dentifricio industriale possa fare piuttosto male alla salute. in alternativa, ce ne sono tantissime ricette online per autoprodurlo. io consiglio vivamente le due di cui ho scritto qui, ma ce ne saranno tante altre alternative valide. e dopo che cominci con il dentifricio autoprodotto, ve lo giuro che non vorrete mai più usare un tubo di colgate! (e neanche tom’s of maine, gusto finocchio, che prima d’ora è sempre stato il mio preferito.) mi sono costretta ad usare un dentifricio industriale l’altra sera, giusto per scopi scientifici (per provare l’effetto dopo 3 mesi senza), e devo dire che l’ho trovato piuttosto orrendo. quindi… andate a lavare i denti e sorridi!!! 🙂

e p.s.: buon san valentino!

 

9 COMMENTS

  1. interessante, credo che al posto dell'olio di cocco si possa usare anche quello di sesamo 😉
    L'unica cosa che mi perplime è l'alta percentuale di bicarbonato, che è un po' troppo abrasivo sui denti..

  2. non ho mai usato l'olio di sesame, ma farò un po' di ricerca! grazie per l'idea! per quanto riguarda il bicarbonato, non lo so, forse avrai ragione. dovrò fare un po' di ricerca!

    ho trovato finalmente il tuo post sul dentifricio e ti ho lasciato il commento là con una domanda!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here