Diario del primo anno

6

Read this post in: English

mia madre mi ha sempre tagliato degli articoli dalle reviste e dai giornali che pensava mi potessero interessare. una volta mi ha pensato leggendo un articolo sull’attrice jenna fischer nella revista di oprah winfrey, “O,” del maggio 2007. ha cerchiato una parte che parlava di quando la jenna adolescente ha trovato un vecchio diario dall’anno in cui è nata. e ha trovato che i suoi genitori avevano scritto un messaggio alla jenna futura quasi ogni giorno di quello che era successo quel giorno, che fosse “oggi hai provato le pesche omogeinizzate e ti piacevano tanto! ti piacciono ancora tanto?,” “non hai smesso di piangere oggi, terzo giorno di fila. grazie mille.” o “oggi hai provato il tuo completino di pasqua. ha dei piccoli coniglietti ed eri tanto carina! non vedo l’ora di portarti fuori con la famiglia.” la jenna adolescente è rimasta sconvolta di scoprire che anche i suoi genitori erano umani e che l’adoravano.

quando ho visto questo articolo, mia figlia stava per compiere un anno, quindi non l’ho fatto con lei e ho infilato l’articolo dentro un libro su come crescere i bimbi nel primo anno di vita. quando è nato il mio piccolo il dicembre scorso, ho ripreso quel libro e ho ritrovato l’articolo. quindi ho preso un diario piccolo in omaggio (quelli dell’erbolario che uso ogni anno) e ho cominciato a scrivere ogni giorno, sul bello, sul brutto, sui miei dubbi e difficoltà. su tutto.

col tempo, ho cominciato a saltare giorni o anche settimane. ma già ora che il mio piccolo ha 10 mesi, mi piace rileggere quello che ho scritto solo qualche mese fa. come’è già cambiato. e anch’io. rivivo i giorni che piangevo dalla stanchezza, che soffrivo a vederlo soffrire dal reflusso gastrico, che mi chiedevo che cosa fare nei momenti difficili. vedo la storia di un amore che cresce e matura, con i suoi alti e bassi. ed è una cosa incredibile.

6 COMMENTS

  1. Ciao! E' un po' che ti leggo ma non ho mai commentato… Mio marito mi ha regalato per san valentino una molskine… all'inizio scrivevo della nostra famiglia… ma soltanto le cose positive… quelle negative intanto si dimenticano… e sono spesso dovute alla stanchezza… ora che il mio bimbo parla mi annoto le battute … le sue tenerezze… quello che dice insomma! Non ho la telecamera e il registratore sempre con me… ma l'agendina sì… e mi piace l'idea che un giorno le potremo rileggere…

  2. @pat: sì, è vero. si dimentica di tanto così in fretta. non mi ero resa conto!

    @giuliana: mia sorella mi diceva che vorrebbe fare una cosa simile anche con i suoi bambini più grandi, tipo scrivere una volta all'anno su quello che fa in quel periodo, le cose che gli piacciono, non piacciono, quello che fa a scuola, ecc. mi sa che farò anch'io così!

    @tatina: mi fa piacere che hai commentato! ottima idea, scrivere le battute del piccolo! forse continuerò dopo il primo anno per farlo anch'io!

  3. Oh Lisa this is such a cute idea! Here we have a book called (not a literal translation of course) "The Book of Joy" where mothers are invited to fill it in for their babies. Every page is dedicated to something of the baby's life with wonderful illustration and it really was fun for me to write in it! I have done the same for both my children – Jacob (6) loves to get me read out what I have written while Eva (11) falls into fits of laughter reading it herself especially the part where I have compiled their baby dictionary. This is such a nice gesture and I am sure our children will appreciate it when they are (much) older.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here