Health update and how the menstrual cup helped

64

Leggi questo post in: Italiano

How the menstrual cup helped me manage severe menstrual bleeding and better inform my doctors. Natural health and living by www.cucicucicoo.com

This was the view outside the balcony where I spent four nights a couple of weeks ago. Pretty, right? The bay of Naples, Mount Vesuvius, the classic Mediterranean pine tree. Except I didn’t really get to enjoy it very much because I spent most of the time laying in my hospital bed.

Yep. You may or may not have noticed that I had dropped off the map for the past month. No new posts or tutorials, no newsletters, very few erratic social media posts. Basically I spent three weeks in bed with an extremely heavy and long period that made me lose so much blood that I couldn’t stand up without blacking out. In the hospital I got a D&C, two blood transfusions and a bunch of IV treatments. And, even though I felt much better when I got back home, I continued to feel very weak and tired, and my hospital souvenir, phlebitis, had left my arm swollen, in pain and basically useless.

How the menstrual cup helped me manage severe menstrual bleeding and better inform my doctors. Natural health and living by www.cucicucicoo.com

I honestly wasn’t sure if I wanted to write this post, but I decided to in order to potentially help other ladies out. First of all because I’ve never written a post about how incredibly amazing the menstrual cup is, and it really helped me deal with the hemorrhaging and also allowed me to know just how much blood I was losing, which was important information to give to my doctor. And second, because it is so, SO important to listen to your body and not just believe blindly what a doctor tells you if your instinct tells you otherwise.

If you don’t like reading or thinking about blood and/or women’s gynecological health, please just skip this post and come back next week for one of my non-body-related DIY tutorials. If you would like to hear my story and why I decided to write this post, keep on reading!

I’ve always had long, heavy and painful menstrual periods, right from the start. So I didn’t really think much about this period when it started. Then I got the flu with acute stomach pains and I couldn’t eat for three days. Because my period was so heavy, I had to get up from bed every hour to empty out my overflowing XL MeLuna menstrual cup and change my Mega-sized cloth menstrual pad, despite having a fever, nausea and trembling. During one of my frequent bathroom visits, my husband heard a noise and came running to find me on the floor. It was the first time for the next three weeks that I nearly fainted when standing up.

At first I just assumed that I felt so light-headed because of not having eaten for three days because of my stomach bug. Even after I was able to start eating again, I still had no appetite and had to force myself to eat. But a couple days later I was still bleeding like crazy and still feeling very weak, so I got a blood test done, went to my gynecologist, and got confirmation that this was no ordinary heavy period and that my chronic anemia had gotten worse.

I spent the next week on different medications. I’d start feeling dizzy when I sat up, so I took the Sweater Doll free embroidery course and worked up the two free samplers using twelve different stitches, as well as the above embroidery kit from Tiger, while lying flat on my back.

I started to feel better. And then I started to feel worse… a LOT worse. And so after two weeks of heavy bleeding and upon my doctor’s recommendation, I went to the ER. And, much to my surprise, I was told to go back home.

I really hesitate to tell this part of the story because I am very faithful to this hospital and have always recommended it to others. I gave birth twice and had a D&C after a miscarriage there, and it’s also the structure where my private gynecologist works. However, sometimes things just don’t go right, and the doctor in the ER pretty much didn’t take my situation seriously and didn’t give me a blood test to find out just how low my hemoglobin had gotten. I don’t really want to get into the details publicly, so I’ll just leave it at the fact that he sent me home thinking that my situation wasn’t as bad as I’d thought.

Drops crochet top pattern in dire need of fixing up! www.cucicucicoo.com

A few days later I suddenly felt better. I managed to sit up in bed and finish this crochet top pattern by Drops. I summoned up the energy to take this quick picture of how bad it looked before finishing it off differently. Obviously I don’t intend to wear it with pajama pants. (Thank goodness I’d sewn up a lot of my Evening Primrose pajama pants when preparing the pattern, because I lived in them for three weeks!) I know that I look like crap here, but consider that this was a relatively good day!

And another couple of days later, I was a wreck. I almost constantly heard my heartbeat and ringing in my ears. My nights were miserable because my hands and feet would go numb and my legs would cramp up, I assume from three weeks of inactivity. I realize in hindsight that I was starting to have trouble understanding things. And not only did I feel like crap, I was starting to get really fucking depressed.

  Passing time in the hospital (when I don’t have IVs in) knitting swatches for my next yarn project. I love this cotton/linen yarn! #knitting #yarnlove #iknit   Una foto pubblicata da Eco Sewing & Crafting (@cucicucicoo) in data:

Salva

I went back to the hospital when I knew that my own gynecologist would be there to do everything that needed to be done, thinking that I’d go back home that evening as with a routine D&C. Instead, I left four days later, thankful to no longer be in danger and, a bit more irrationally, thankful that nobody would be coming near me for a while with another needle.

Blood transfusion in the hospital. www.cucicucicoo.com

This was my second blood transfusion. The next day, after the nth iron treatment in the same catheter, I was overwhelmed with pain as my arm swelled up with phelbitis. Two weeks later, I can almost extend my arm all the way.

So, one point made: if you feel like total crap and a doctor tells you that you have no reason to feel like total crap, don’t just take his word for it. He might be right, but nobody knows your body like yourself, so stand up for yourself when your gut instinct tells you that there is indeed some problem. I would’ve been spared a good amount of misery if I had done that.

How the menstrual cup helped me manage severe menstrual bleeding and better inform my doctors. Natural health and living by www.cucicucicoo.com

Second point? The menstrual cup is amazing. I started using the Diva Cup 9 years ago. I had some trouble at first because childbirth had really loosened things up down there and I’d suffered uterine prolapse with all the pushing, but after a couple of months of pelvic exercises I was able to use it regularly. And I haven’t stopped using menstrual cups since.

The menstrual cup is basically a silicone cup that is inserted in the vagina. You fold it as seen above, insert it, and give it a little turn so that it pops open. As it collects, rather than absorbs, menstrual material, there is much less risk of Toxic Shock Syndrome (TSS) than there is with tampons. You also can see exactly how much blood you are losing because it’s all right there in the cup when you take it out. The Diva Cup has lines up the side with the capacity marked so that you know exactly how much is in it if it isn’t completely filled up. If you tend to get blood clots, the cup collects them too. (I have some nasty memories of blood clots making tampons slip out… ew!)

The menstrual cup can be used for many years so, as with cloth menstrual pads, you save money by not having to buy them every month and you save waste from the landfill. There is no little string dangling from your dainty parts, so you don’t have to worry about peeing on it or accidentally leaving it hanging out of your bathing suit.

And when you go out, you don’t need to bring 50 extra tampons with you. Just remove the cup, empty it into the toilet, rinse it off if there’s a sink available, and put it back in. If there isn’t a sink to use, just insert it again. I’ll admit that what I usually do in these cases is pee on it and then put it back in. I’m not sure if that’s really very hygienic, but that’s what I do.

Just make sure that you empty the cup out at least every 12 hours, washing it off with soap. Sterilize it for just a few minutes in boiling water at the beginning and at the end of your period, and that’s all there is to it!

How the menstrual cup helped me manage severe menstrual bleeding and better inform my doctors. Natural health and living by www.cucicucicoo.com

As they don’t have the string that tampons have for removal, most menstrual cups have a little stem, ring or ball at the base to hold on to while pulling it out of the vagina. Like I mentioned before, my uterus slipped down considerably after my first childbirth, so I have to wear my menstrual cup quite low down. The Diva Cup would sometimes move around and its stem would dig into my skin, which as you may imagine was not particularly comfortable. I cut the stem off as suggested, but even that little bit left over bothered me.

So about five years ago I did some research and discovered the German brand MeLuna. MeLuna offers quite a few sizes, and the XL size is the largest cup I’ve found so far, which is perfect for my heavy periods. And even better, there is a model without any handle for removal, making it much more comfortable for women with uterine prolapse. And it’s even purple, my favorite color!

I’ve been using the MeLuna XL cup since then and am very, very happy with it. The one shown in these pictures is brand new. I had to buy a new one because, in the confusion while I was being carted off to the operating room, my husband accidentally threw away my old one that I’d quickly removed, wrapped in toilet paper, and handed to him.

So, why am I going on about menstrual cups right now? Because when you use them, you know how much blood you’re losing. I remember reading back when I was a teenager that during a period you only lose two or three tablespoons of blood, even though it seems like much more. I always had a heavy period and I suspected that I was losing much more than that, but using disposable tampons and pads I had no way of quantifying how much blood there really was. My suspicion that I suffered from unusally abundant menstrual flows was verified only when I started using a menstrual cup.

This was incredibly useful for me during this past month because I was able to tell my gynecologist exactly how much blood I was losing during the different phases of this disturbance. I could also therefore keep track over time of how much bleeding there had been. I had to try to remember more or less how often I’d emptied the cup every day of the first week, before I really was paying much attention, and a lot of blood overflowed into my cloth pads, so I’m not perfectly sure exactly how much it was, but it was at least 2.5 liters of blood and clots.

So, how am I feeling now? Much better, though I have my good days and my bad days. My hemoglobin is going up and I am getting stronger, though I still have a ways to go. I was so thankful during this illness for my incredibly supportive husband (who deserves a medal for doing EVERYTHING for kids, sick wife, home and — oh yeah — his own work and things for over a month) and for all the people who helped us out and offered support during this hard time. And obviously also for my fantastic gynecologist, who I harrassed constantly with panicked phone calls and pretty much saved me from bleeding to death!

Wow, this ended up being a much longer post than I’d planned on! I promise that next time I will be back on track with a nice spanking brand new tutorial for you! Have a great week!

Salva

Salva

64 COMMENTS

  1. non avevo mai sentito parlare di questa coppetta ed ora…non mi serve più, ma ritengo che il tuo post sia interessante per molte donne!! Ne parlerò a mia figlia ed a mia nuora.
    Intanto cerca di rimetterti e vedrai che le cose miglioreranno presto sia perché sei forte tu sia perché sei circondata da parenti e amici che ti sostengono e ti appoggiano.
    Ora pensa a guarire e poi…ci rivedremo al prossimo tuo post!
    baci e fusa di pronta guarigione
    Paty

    • Grazie mille per i tuoi pensieri, Paty! Sì, cerco di essere paziente e di darmi il tempo per mettermi a posto… ma è difficile!! Sì, parlaci con le donne nella tua vita, perché non ho mai sentito di una donna che ha provato la coppetta mestruale per almeno 2 o 3 mesi (per abituarsi) e non se n’è innamorata! Un abbraccio e grazie ancora!

  2. Women are amazing! We can be sick, sicker than we know, and still get things done. I’m so glad you’re feeling better and got the care you needed. I am happy to be beyond the need for these cups, but I did use cloth pads from age 20 to 49 when my period just stopped.

    And thanks for taking the time to join in Embroidery School. I’m sorry the site is down for overhaul right now. It was unexpected. But it will be back soon!

    You just keep being amazing, lovely lady!

  3. Ciao Lisa,
    aspettavo questo post e vorrei scrivere alcune cose.
    Se poi diventa troppo pippone o inopportuno ti prego di rimuoverlo.
    Innanzitutto sono contenta che tu stia meglio e penso che questo post sia importante perchè appunto può aiutare altre donne.
    Io sono al secondo mese con la coppetta, e diciamo che è stata la prima volta che l’ho usata per tutto il ciclo, mentre la volta scorsa solo alla fine, diciamo per prendere confidenza perchè nonostante abbia superato i 40 alla fine tutta questa conoscenza del mio corpo non ce l’avevo mica!!
    Ecco a conti fatti i vantaggi (e i dubbi) su questo fantastico calice secondo la mia recentissima e breve esperienza:
    1) percezione completamente diversa del ciclo mestruale. Nel senso che il flusso viene bloccato in alto e quindi il resto della vagina rimane come in tutti gli altri giorni, con umori e percezioni usuali. Per capirci niente secchezza o bruciori o quel senso di ‘cottura’ che io provavo da un pò con gli assorbenti esterni diciamo industriali.
    2) niente odori: quando ti devi cambiare il sangue non ha l’odore che assume una volta coagulato sull’assorbente
    3) eliminata quella sgradevole sensazione di avere un flusso di sangue che scorre mentre magari stai parlando con qualcuno o stai camminando e che ti fa pensare: “speriamo di non macchiarmi”. (so che mi avete capita)
    4) puoi anche dimenticarti di avere il ciclo (cosa che tecnicamente accadeva anche con gli assorbenti interni ma secondo me – proprio per il fatto che assorbono tutto – un pò di effetto secco lo lasciano) e non fingerti morta quando qualcuno ti si avvicina per farti le coccole….
    Mi resta però sempre la difficoltà nel cambiarla. Non tanto a livello meccanico (che comunque anche lì mi ci sto abituando perchè vedere tutto questo sangue ad esempio a me da un pochino fastidio, nonostante sia il mio) quanto a livello pratico. Se sono in un bagno pubblico senza lavabo, o magari col lavabo nell’antibagno mi trovo in difficoltà. Non avevo ancora pensato alla soluzione di Lisa e mi sta venendo in mente che basterebbe portarsi una bottiglietta di acqua… perchè insomma la situazione io la vedo un pochino splatter.
    Spero che questa mia esperienza possa chiarire alcune cose a chi come me ne ha sentito parlare per anni prima di decidersi a provarla. Ne vale veramente la pena.
    Ancora una cosa: il famoso ‘codino’ ad esempio a me non da alcun fastidio e l’ho lasciato tutto intero. Ognuna di noi è diversa dentro come fuori ! Come misura uso una L perchè non ho partorito ma ho superato i 30… (da mo’)
    Grazie Lisa per aver portato questo argomento che sono certa interesserà molte donne.

    • Grazie per il tuo intervento, Simona! 🙂 Sono molto contenta che ti stia trovando bene ora con la coppetta. Hai ragione che ci vogliono un paio di mesi per abituarsi perché in effetti è un’esperienza molto diversa da altri metodi. E hai assolutamente ragione con gli altri tuoi appunti. Ce ne sono ancora altri vantaggi, in realtà, ma mi ero un po’ stancata (fisicamente perché ho comunque sempre una forte anemia) a scrivere quello che ho buttato giù e quindi ho finito il post senza entrarci in più dettaglio. Ma la coppetta aiuta la donna a venire più in contatto col proprio corpo, che secondo me è molto importante.
      Diciamo che, avendo un flusso talmente abbondante, devo sempre portare anche un assorbente lavabile e quindi il rischio di sporcarmi c’è sempre. Ma non è per niente come prima. Mi ricordo nella scuola media era un dramma perché i miei insegnanti non mi permettevano di andare nel bagno molto spesso, e mi sporcavo i vestiti e anche le sedie. Immagina che vergogna per un’adolescente! Ma ogni tanto mi capita un ciclo più normale (che viene inevitabilmente seguito da un ciclo terrificante, più del solito), e in quei casi mi rendo conto che è tutta un’altra storia e, come sento dire da tante donne che usano la coppetta mestruale, mi dimentico di avere il ciclo.
      Per quanto riguarda il lavaggio, a casa o a casa degli altri, la lavo nel bidet in modo che non mi devo alzare e gocciolare dovunque. Sì, anche a me dà fastidio quando il bagno pubblico non ha il lavabo dentro, ma non è un problema non pulirla perfettamente se capita solo ogni tanto. Sicuramente la bottiglietta d’acqua sarebbe utile… ancora di più quando ti trovi in un bagno pubblico non solo senza lavabo, ma anche senza carta igienica!
      E sì, di solito quel “codino” non dà fastidio. Non ho mai usato la coppetta prima di aver partorito e quindi aver subito il prolasso, ma sicuramente non mi avrebbe dato fastidio in quell’epoca della mia vita!
      un abbraccione e fammi sapere se hai delle domande sulla coppetta! 🙂

  4. Thank you for sharing, Lisa, it was really interesting. As you said these are really private things, but your post may help other women in the same situation.
    Is the menstrual cup recommended also for really light menstrual flows (caused by contraceptives) , and do you have any idea on how can I guess my size?

    • ABSOLUTELY, Silvia! Actually it’s really wonderful for light flows because you won’t need any other protection. One problem with tampons is that they dry out the vagina and if they don’t absorb enough, and then they can be hard to remove and leave fibers behind, which can cause infection (I think…). The menstrual cup doesn’t absorb at all, so there is not this problem and you can use it even with extremely light flows. There are a LOT of different brands now (way more than when I started using the cup), so it can seem a little overwhelming. I really love my MeLuna and it’s from Germany, so that would be great for you! There are instructions on the website for choosing the most appropriate size and style. I highly recommend you try it! Let me know if you have any questions, privately if they get too intimate! 🙂

  5. Thanks for sharing, Lisa. It is so hard to tell a doctor that they are wrong when they tell you you’re fine and you know that something is definitely NOT fine. Like your doctor, my ob/gyn thought I was exaggerating every time I saw her and complained about how heavy, painful and lengthy my cycles were until I had a major episode. I woke up in the middle of the night in a pool of blood that covered over half of our queen sized bed. It probably looked like something out of a horror movie. After that, the doctor finally took me seriously and was willing to help.

    I’m so glad that you are feeling better! Cheers to your wonderful husband for his support. Sounds like he’s a keeper 😉

    • Oh wow, Ellen, I’m so sorry to hear about what happened to you! I’m sure that there are plenty of people who exaggerate about their health issues, so I guess it’s normal that doctors can’t always take everything patients say as a given, but it’s so frustrating when we’re actually telling it like it is! And if anything, I have the tendency to underexaggerate my problems, geez!
      Yes, my husband is definitely a keeper! I’m a lucky lady! 🙂

  6. I hope you are feeling better and that your are resting also.
    I never heard of these cups until I came across a YouTube that explained them and cloth pads. I
    I had heavy fast bleeding such that the flow did not absorb into the pad as quickly as it came out of my body and I had clots and great amounts of pain and never less than a week.
    I finally told my dr I had enough and wanted my female parts removed she did some checking and found I had large uterine tumor (grapefruit sized) . It was not cancer and there never was any indication that it could be but I did get my uterus removed and for me that freed me to go and do things as before (irregular periods also) I did not know if I’d be on my period and if I was I’d be in too much pain and have too much mess to deal with away from home .
    The cup would have helped me a lot

    • Wow, Colleen, that sounds awful! I have to say, I fantasize about getting a hysterectomy because I’ve always had problems with that whole part of my body and I’m done having kids. I can imagine that it would be so freeing to not have to worry about irregular periods, hemorrhaging, pain, prolapse, cysts, fibroids, pap tests, etc. Thank you for sharing!

  7. Grazie Lisa di tutte le informazioni, di prima mano, circa la coppetta….non ne sapevo più di tanto! Ora so che potrei proporla anche a mia figlia! La trovi in farmacia?
    Per la tua salute, invece, si che ci si è accorti della mancanza di news….ma forse non dovresti trascurarti ed arrivare allo stremo,prima di intervenire!
    Sono lieta che tu ora stia meglio ed aspetto con piacere tue notizie sui tutorial e non…..
    Riposati e riparti gradualmente….
    A presto
    Donatella

    • Ciao Donatella, io personalmente non ho mai visto la coppetta in farmacia, ma ho sentito dire in passato da qualcuno che ogni tanto si trova. Ma se guardi online, ci sono tantissimi siti. Ho comprato la mia MeLuna da questo sito italiano ed è arrivata in solo due giorni.
      Ti assicuro che non mi ero trascurata. Purtroppo la situazione è stata un po’ complessa, non solo perché un paio di volte ero sicura che stessi migliorando, ma anche perché il medico che ho trovato al pronto soccorso non ha indagato minimamente la situazione come avrebbe dovuto e mi ha fatto credere che il problema non era grave. Ti ringrazio molto per le tue parole!

  8. I came to your blog out of curiosity from your instagram post and I am really glad that you shared your story! I appreciate your willingness to be open and get into details about not only your illness but your experiences with the cup. This is very informative.

  9. Ciao Lisa, ti aspettavo sul blog e mi è spiaciuto leggere della tua salute ma ora devi solo darti tempo e recuperare tutte le tue energie!
    Per quanto riguarda la coppetta io la conoscevo già da tempo ma vorrei fare una precisazione in quanto mi è stata sconsigliata se si usa la spirale come anticoncezionale perché potrebbe creare una sorta di “vuoto” e quindi spostarla dalla sua sede. Detto questo ho sentito solo che apprezzamenti su questa coppetta e concordo con tutti i benefici che hai elencato.
    Mi piacerebbe, invece, avere più informazioni sui tuoi assorbenti lavabili perché si l’idea è buona ma i dubbi di una paranoica sono tanti…visto che non ha l’adesivo, non si sposta? Ogni tanto ho cicli abbondanti.. assorbe abbastanza? L’idea mi piace, devo solo convincermi!
    Grazie delle tue condivisioni e buonissima ripresa !!!
    Monica

    • Ciao Monica, Grazie, e sì, infatti sto procedendo molto con calma, perché quando mi metto un pochino troppo, non riesco a fare più niente per qualche giorno dopo. Infatti, perciò la newsletter e diversi post sui social che stavo preparando l’altro ieri ancora non sono partiti. 🙁
      Hai ragione, anch’io ho sentito qualcosa riguardo coppetta e spirale, ma non ne sapevo molto. Grazie per questa precisazione!
      Per quanto riguardono gli assorbenti lavabili, li adoro, anche più della coppetta. Sono FANTASTICI per flussi abbondanti, e infatti è per questo che ho cominciato a cucirli anni fa. Assorbono molto di più rispetto agli usa e getta. Le pochissime volte che ho dovuto usare gli usa e getta per qualche motivo dopo essermi convertita ai lavabili sono stati terribili per me, e mi sono giurata: mai più!! Quasi sempre gli assorbenti hanno delle alette con degli automatici (i bottoncini a pressione) per poterli chiudere intorno allo slip. Ci sono anche quelli senza ali. A me non piacciono senza ali, ma alcune li preferiscono. L’importante è avere lo slip che sta aderente al corpo. Se è un po’ largo, l’assorbente (soprattutto quello senza ali) si può spostare. Ho trovato che ancora meglio sono gli assorbenti per l’uso con il perizoma. Il mio modello prevede due coppie di automatici per la forma e restano fermissimi. Solo che a me non piace il perizoma, quindi li uso raramente.
      Fammi sapere se hai altre domande! A presto!

  10. Ciao Lisa,
    proprio qualche giorno fa ti pensavo, ricevo le tue mail solitamente le trovo così interessanti e mi mancavano, dopo quei giorni di silenzio a dire il vero speravo fossi in vacanza, certo non potevo immaginare questo duro periodo, mi spiace davvero tanto per ciò che hai passato 🙁 anche se son contenta di apprendere che va un pochino meglio, se ti dicessi che comprendo perfettamente il tuo stato non ci crederesti, il medico era stupito di come facessi ad affrontare le mie giornate con l’anemia che mi ha trovata! Questo problema del ciclo emorragico è più diffuso di quanto possiamo pensare, sono andata perfino da un’ematologa, (il tuo caso diciamolo chiaramente doveva essere risolto nell’immediato senza minimizzare e rimandarti a casa…) per il mio invece oltre a quello purtroppo la scelta di non mangiare spesso carne rossa fa la differenza mi spiegavano, io stavo addirittura per eliminarla dalla mia dieta, mangerei solo e sempre verdure, ma ho dovuto fare ahimè un passo indietro.
    Ho sentito moltissimo parlare di coppetta mestruale mi piacerebbe prenderla ma sono un tantino perplessa perchè non so se sarei in grado di usarla, è solo questo il problema. Mio fratello abita in Germania e la sua compagna la usa da un bel po, vorrei assolutamente provarla.
    Grazie per il tuo prezioso racconto, adesso riguardati e prenditi cura di te, un caro saluto! ^_^
    Angela.

    • Oh, mi dispiace tanto sentire dei tuoi problemi simili ai miei. 🙁 Anche i miei medici si sono spesso stupiti negli anni al mio grado di anemia. Una volta uno mi ha chiesto come facevo a stare in piedi! (E, in effetti, in questo periodo non riuscivo a stare in piedi.) Comunque, hai ragione e sono rimasta molto sorpresa a sentire da tantissime donne, sia tra le mie lettrici che le mie conoscenze personali, che una cosa simile era successa anche a loro.

      Non mangio la carne, ma ho chiesto a ben quattro medici se devo iniziare a mangiarla, e mi hanno detto tutti e quattro di no, che basta un’alimentazione molto equilibrata e con certe regole, e di continuare a mangiare il pesce. Ma quando stavo in ospedale, mi sono fatta convincere di mangiarla per la prima volta in anni, ed è stato orribile! Ovviamente, se mi dice un medico che la devo mangiare per la mia salute, lo faccio, ma ora come ora, se riesco ad evitarlo, lo faccio con molto piacere!!

      Ma perché pensi che non saresti in grado di usare la coppetta? Non è per niente una cosa difficile e non si sente quando è inserita! Se hai domande, anche quelle intime, mi puoi sempre scrivere una mail (lisa@cucicucicoo.com) per chiedermele in privato! 🙂

  11. ciao,
    seguo il tuo blog con molto interesse, per scovare nuove idee e poi sviluppare (quando il resto degli impegni sono assolti …). Mi dispiace per quanto ti è successo e grazie per aver parlato delle coppette, da tempo ci sto pensando, anche perchè comincio a non sopportare più gli assorbenti tradizionali e quando uso quelli interni non sono molto tranquilla. Devo solo trovare un momento per cercare qualche informazione rispetto ai modelli e taglie e convincermi ad ordinarle !!!
    Buona ripresa e a presto
    Francesca

    • Sono molto contenta di sentire che mi segui, Francesca! Sì, ti consiglio molto la coppetta e di fare un po’ di ricerca quando hai un attimo, ma giusto un po’. Poi dopo aver provato per qualche mese, capirai come ti trovi o se vuoi provare qualche altro tipo. Ma di solito va benissimo la prima che scegli se hai selezionato la misura corretta secondo la marca!

  12. Meno male che adesso stai meglio… continua ad ascoltarti e riguardarti, riposati e prenditi tempo per te. Un grande abbraccio.
    P.S.: Uso anch’io la coppetta da anni e davvero, non tornerei più indietro, posso solo vivamente consigliarla. Spero tanto che prima o poi, anche mia figlia maggiore mi chieda di provarla…

    • Grazie Beta! Mia figlia ha già deciso quando avevo 3 anni che voleva degli assorbenti lavabili con delle farfalle, quindi mi sa che quando verrà il momento tra pochi anni, compriamo non solo i tessuti per gli assorbenti, ma prendiamo la coppetta!

  13. Ciao Lisa! effettivamente avevo notato che le news non arrivavano… ma non pensavo che tu stessi male!! Sono contentissima di risentirti e che hai risolto … riguardati!! e grazie x aver raccontato della coppetta….
    un abbraccione e a presto
    A, Ct

  14. E pensare che ti immaginavo in vacanza! Mi dispiace davvero e ti auguro di tornare presto in perfetta forma. Un abbraccio

  15. Ciao Lisa. Leggo solo ora il motivo della tua assenza e sono contenta che ora stai meglio. Ti mando un forte abbraccio!
    Anche io sono un’utilizzatrice di coppetta da più di 7 anni (non ricordo nemmeno da quanto esattamente). Mi sono trovata subito bene e la consiglio vivamente. Chiaro che non è per tutte le donne e ognuna deve trovare la sua. Ho scoperto anche un gruppo su FB dedicato. Ora, dopo il parto (avvenuto ormai 4 anni fa) dovrei sostituirla con un’altra misura e/o modello per le naturali modifiche che il corpo subisce. Per il resto ne sono molto soddisfatta.
    Un caro saluto.

    • Grazie per i tuoi pensieri, Mary! Sì, il parto cambia molto tutto quanto “laggiù” e quindi sicuramente serve una misura più grande. È sorprendente quanti gruppi e forum esistono per chi vuole sapere di più o condividere le esperienze con la coppetta– è proprio un modo in sè!

  16. Ciao Lisa,
    mi spiace molto che tu abbia passato questa brutta situazione, spero che la ripresa sia rapida e soprattutto che oltre al recupero fisico tu stia bene anche nel morale.
    Per quanto rigurada l’anemia, io ne ho sofferto solo una volta, avevo 20 anni e avevo una carenza di globuli rossi di 1/8 rispetto alla norma (ora ho 40 anni, è passato un bel po’ di tempo e non so neanche se ero tanto o poco anemica…) la cosa che vorrei raccontare perchè spero possa essere utile ad altre persone è che io in quel periodo ho deciso di diventare vegetariana e quindi ne ho parlato con il medico per non avere problemi e lui mi ha detto che non è assolutamente indispensabile mangiare carne, ma è importante consumare una porzione di legumi al giorno perchè hanno le proteine buone della carne senza avere le sostanze negative; dopo qualche mese di alimentazione vegetariana seguendo questa accortezza le analisi erano tornate normali. Magari la mia era una forma lieve e sicuramente non cronica, ma volevo condividere questo consiglio con chi per scelta o per gusto non desidera mangiare carne.
    Ti ringrazio per i tuoi post, sempre fonte di ispirazione sia per i miei hobby che per lo sguardo lieve e sorridente con cui ci racconti un po’ della tua vita! Buona estate!

    • Grazie, Alice, per averci detto della tua esperienza! In effetti, mentre tutte le persone non di professione medica mi sgridano che devo mangiare la carne (che non mangio da 5 anni più o meno), diversi medici con cui ho parlato hanno detto quello che dici tu: che non serve per forza la carne se si segue una dieta equilibrata con certe regole. Ma siccome ho problemi con l’anemia da tanti anni, a volte anche piuttosto seri, proprio in questi giorni sto cercando un nutrizionista con cui parlare, giusto per togliere ogni dubbio, oppure forse per sapere che nel mio caso veramente mi serve. Spero di no, ma farò quello che dovrò fare….
      Sono propri contenta di sentire che il mio modo di raccontare le cose sia “sorridente”! Un abbraccio!

  17. Woah Lisa…. I am so glad you got through all of this 2.5 litres I can’t even imagine. No wonder you were anemic! I have also had a prolapse (that seemed to right itself after the 2nd child) I’ve always had regular ‘normal’ periods (though occasional clots) …but with bad headaches (sometimes lasting 3-5 days either before or during) & extreme mood swings. When I was about 40 a Naturopath told me I was pre-menopausal & I used progesterone cream for a while to settle things, which may or may not have been a good idea as now I am 55 & still waiting to achieve the ‘whole year without a period’…. Several years ago I had a cervical polyp removed which didn’t heal (still spotting 13 weeks later!) & I had a 2nd Operation to stop the bleeding. Early last year I had a whole month of bleeding (long period). Not heavy like you but I wondered when it would ever stop! The district Nurse was unable to do a pap smear (which was well over due) & she advised Blood tests which were okay = not anemic thankfully. Just very tired. I also had uterus ultrasounds & kidney check etc etc everything normal thankfully. Since then the longest break has been 3 month (late last year) and also nothing since end of March this year…hoping to make a year without & have it all be over!! Thank you for sharing I am sure it will encourage & reassure many who have similar situations that they are not alone. I had noticed the absence of your newsletter & learned via Allison’s embroidery posts that you had been ill. Wishing you a full recovery! 🙂

    • Yikes, Janette! Sounds like you’ve been through quite a bit too! I’m actually chronically anemic and have been dealing with it for years. I’ve pretty much gotten used to almost always having that dragging feeling. But goodness, the things we ladies have to put up with, huh?! I wish you luck in getting to your full year! I can imagine that it’ll be such a relief! 🙂

  18. Sei fantastica…forza e coraggio prima o poi tutto passa…e W la coppetta diffondiamo informazione è un’amica insostituibile di noi donne!

  19. Carissima, ti auguro di riprenderti al meglio e di stare benissimo!!! La tua testimonianza sara’ davvero utile a un sacco di donne. Concordo con il fatto di dover sempre ascoltare il nostro corpo, anche quando ci dicono qualcosa di diverso!
    E grazie di aver parlato della coppetta…io ci penso da un po’, ma ancora non ho preso il coraggio…chissa’ perche? Speriamo prima o poi…
    Tante belle cose, un abbraccio

    Francesca

    • Grazie Franscesca! Comunque, capisco la tua esitazione riguardo la coppetta perché è successo anche a me e a tante altre donne. Secondo me è perché siamo state bombardate da tantissimi anni che si usano certi prodotti e metodi per gestire la mestruazione, quindi è un po’ strano aprirsi ad idee diverse. Io ti consiglio di provarci… non hai niente da perdere, solo da guadagnare! 🙂

  20. ciao volevo augurarti una super guarigione e che questo momento possa diventare un lontanissimo ricordo…è vero quando dici che bisogna ascoltare il proprio corpo e che se un medico cerca di convincerti che va tutto bene e tu senti che non è così, bisogna insistere per farglielo capire..ho altri problemi di salute che mi perseguitano da due anni e sto lottando con medici che sembrano non badarmi…forza ed un abbraccio forte

    • Mi dispiace sentire dei tuoi problemi di salute, Antonella. Quanto è frustrante quando i medici non vogliono capire che ci sono certe cose che capiamo dei nostri corpi che non potranno mai capire, proprio perché appunto non lo possono sentire loro! Ti auguro di riuscire a risolvere i tuoi problemi, e speriamo anche di venire finalmente ascoltata e creduta da un medico! Un abbraccio anche a te!

  21. Oh you poor thing. I’m 45 and after my youngest was born my periods got really heavy. I used a cup too – useful for measuring as you say! I saw the GP and did a trial where I collected all the blood from my period which was sent off to a lab. I lost 160 mls of blood (80 or more is considered heavy). I ended up having a mirena IUD fitted. It is working well and now my periods involve light spotting for a day or two.

    I’m sure you have had plenty of advice about iron supplements – my son had really low ferritin when he was younger and we have him Spatone rather than iron tablets. It’s iron rich water from north wales, it comes in sachets and you drink with orange juice. It doesn’t have the side effects of other iron supplements. And, it worked well for him – I took it too when I was pregnant.

    • Sorry to hear that you’ve had problems, too, Knit lass. 🙁 I just finished up my first period after this ordeal and, erring on the low side, I lost around 800 ml of blood, and for me it was a totally normal period. I am in the midst of many tests and medical visits, so hopefully I can get this situation sorted out! I’m hoping that getting my periods under control will also help get my anemia under control.
      I’d never heard of Spatone, but it looks very interesting and I see that it’s available even on Italian Amazon. Thanks for letting me know about it! And thank you for your kind thoughts! 🙂

  22. Ciao! Just read your newsletter and learned about your health problems. I am sorry you had to go through all this and I sure hope things will improve from now on. Thank you very much for your candid post. You are helping many women out there, me included. Stay strong <3

    • Thank you so much for your words, Julia! I am doing much better now, and I’m glad that this post was able to help you… though I’m sorry if you have had problems and that’s why it’s of help!!

  23. I stumbled upon your website while looking for sewing tutorials. First, I’m glad you’re doing better. Second, my Diva cup has changed my periods forever. Best. Period. Product. Omg. Third, my younger sister is an American living on the Amalfi Coast 🙂

    • Welcome, Briana! Yes, the Diva cup is amazing! The only reason I switched brands is because of the stem which bothered me. Such a game changer! Where exactly is your sister? I don’t live in Naples city and am actually not far at all from the Amalfi Coast! Thanks for commenting!

  24. Thank you for sharing your amazing story – such a heroine’s story! We so often read the hero’s archetypal story of fighting the good fight, winning and getting the crown and the girl in the end but your story is truly the one of the heroine 🙂 Good for you for sticking up for yourself, finding your way through the medical morass even though your brain wasn’t on full throttle and getting well in the end. I’m 62 so menstral cups are LONG behind me now but if I were young I would definitely use them. They function much like the diaphragm I used for birth control for years and once you’re onto it, it’s quite easy. Much more hygienic and like you say it shows you just what your body is releasing. Brilliant! I know with this post you are going to help a lot of women.

  25. I feel for you. At 45 I’d had enough of similar problems. Went to GYN in tears and “demanded” hysterectomy. Instead, the GYN did a procedure (NO cutting) called endometrial ablation. I was in and out of hospital in 4 hours and never even needed so much as an asprin. I never had another period or any other problems.

    • Wow, Kat. I haven’t demanded a hysterectomy, but told my gyn that I wanted one. (Though we haven’t come to that yet.) A friend of mine suggested laparoscopy as a very non-invasive way of removing the uterus. I’d never heard of endometrial ablation, but I’m going to read up about it right now! Thank you for telling me about it!

      • It’s a wonderful thing. No cutting, no removing organs, and no disruption of hormones. I feel confident in sharing this experience because the GYN was so good (smart) that he had a VERY long patient waiting list.

  26. Hi Lisa. I just read this post. I hope you are still feeling better. I am 51 and my periods are now getting heavier! I recently heard about the Cup. It seems to me it would be messy to take out and not spill? Am I over-thinking it?

    • Hi Lynda! Oh my gosh, hopefully your heavier periods are just the start to menopause, and hopefully they will end soon. Yikes! I know that the menstrual cup can sound weird and gross and uncomfortable, but trust me, it isn’t. If it’s filled to the brim, yeah, it’ll spill a bit when you take it out, but you’re sitting over the toilet, so it doesn’t matter. I say to give it a go! It is truly wonderful! Good luck!

  27. Ciao, grazie del tuo post e la condivisione. Uso la coppetta da anni, proprio la Meluna. Ne avevo acquistata un’altra, ora non ricordo la marca, ma era troppo rigida, invece Meluna è perfetta se si trova la misura giusta. Ho anche la spirale e non ho avuto nessun problema negli anni, anche se le ginecologhe italiano non ne sanno nulla e spesso storgono la bocca. Credo che ci si debba fidare del proprio istinto e di quello che ci fa stare bene. Ho iniziato a 39 anni…e devo dire che non avevo per niente confidenza con la mia vagina, ma piano piano ho imparato a conoscerla e questo aspetto, secondo me, è una bella scoperta per una donna.
    Volevo inoltre consigliarvi vivamente, per l’anemia, le ALGHE. In particolare l’alga Dulce, che è rossa ricca di ferro. Si usa tritata sulle pietanze cotte, verdura lessa o saltata, pasta, ecc… Mettetela un po’ ovunque, a fine cottura, vedrete che meraviglia. Il mio medico, che mi aveva prescritto ferro in pastiglie che mi davano stitichezza, è rimasto sorpreso dalle mie analisi! Non è una medicina, pertanto… sperimentate sperimentate!
    Baci
    Mz

    • Ciao Marzia, e grazie dei tuoi consigli! Anch’io, da quando ho scritto questo post, ho messo la spirale, e anche il mio ginecologo diceva che non potevo più usare la coppetta perché rischiava di tirare il filo e far spostare la spirale. Ma visto che le persone che conosco in altri paesi che usano tutti e due non hanno avuto problemi (e i loro ginecologi non hanno detto niente di simile), l’ho fatto lo stesso e non ho alcun problema!

      Per fortuna la spirale mi riduce MOLTISSIMO il flusso e non sono più anemica e non prendo niente per il ferro. Ma condivido quello che dici sull’alga Dulce, che non solo fa molto bene ma è anche molto buona!
      Grazie ancora e complimenti per il tuo percorso!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here